E-LEARNING

  • OBIETTIVO
    Viene proposto un corso formativo che consentirà ai partecipanti di approfondire il legame tra il diabete mellito di tipo 2 e le comorbidità cardiovascolari, implementando la conoscenza delle nuove classi di farmaci.
    L’iniziativa ha l’obiettivo di favorire un approccio multidisciplinare nella gestione globale dei pazienti diabetici.


  • La costante crescita epidemiologica dell’obesità, del diabete mellito tipo 2 (DMT2) e delle complicanze ad esse correlate ha favorito l’introduzione in commercio di armi terapeutiche sempre più efficaci e personalizzate. In particolare, gli studi scientifici degli ultimi anni hanno dimostrato che i farmaci DPP-4 inibitori sono efficaci e sicuri dal punto di vista cardiovascolare e rappresentano la migliore opzione nei pazienti anziani e/o con insufficienza renale cronica qualora la metformina risultasse non sufficiente o controindicata.


  • RAZIONALE
    La malattia cardiovascolare (MCV) è la prima causa di morte nei pazienti con diabete mellito (DM) nei quali si riscontra un’aterosclerosi precoce, a rapida evoluzione e diffusa le cui cause sono plurime. In presenza di iperglicemia si verifica dapprima attivazione e disfunzione endoteliale, poi rapida progressione della malattia aterosclerotica con caratteristiche peculiari, quale la placca instabile, che espone i pazienti affetti da questa malattia a un aumentato rischio sia di MCV sia di mortalità cardiovascolare.


  • RAZIONALE
    La malattia cardiovascolare (MCV) è la prima causa di morte nei pazienti con diabete mellito (DM) nei quali si riscontra un’aterosclerosi precoce, a rapida evoluzione e diffusa le cui cause sono plurime. In presenza di iperglicemia si verifica dapprima attivazione e disfunzione endoteliale, poi rapida progressione della malattia aterosclerotica con caratteristiche peculiari, quale la placca instabile, che espone i pazienti affetti da questa malattia a un aumentato rischio sia di MCV sia di mortalità cardiovascolare.


  • RAZIONALE
    La malattia cardiovascolare (MCV) è la prima causa di morte nei pazienti con diabete mellito (DM) nei quali si riscontra un’aterosclerosi precoce, a rapida evoluzione e diffusa le cui cause sono plurime. In presenza di iperglicemia si verifica dapprima attivazione e disfunzione endoteliale, poi rapida progressione della malattia aterosclerotica con caratteristiche peculiari, quale la placca instabile, che espone i pazienti affetti da questa malattia a un aumentato rischio sia di MCV sia di mortalità cardiovascolare.