E-LEARNING

  • EVOLUZIONE DEL MONITORAGGIO IN CONTINUO DELLA GLICEMIA: NUOVI SISTEMI PER NUOVE ESIGENZE

    EVOLUZIONE DEL MONITORAGGIO IN CONTINUO DELLA GLICEMIA: NUOVI SISTEMI PER NUOVE ESIGENZESCIENTIFIC TALK del 26.01.2023 dalle 17.00 alle 18.30

    Le Linee Guida per il Trattamento del Diabete Mellito di tipo 1, elaborate dal Panel AMD e SID e pubblicate sul sito dell’ISS, descrivono il ruolo del monitoraggio continuo del glucosio real time (rtCGM) o intermittente (FGM), che si afferma oggi come strumento indispensabile ed irrinunciabile per le persone con diabete di tipo 1. Non è possibile immaginare, nel 2022, un paziente in terapia insulinica intensiva multi dose o con microinfusore che non sia supportato da sistemi rtCGM o FGM. I sistemi rtCGM sono, inoltre, elemento essenziale per la realizzazione di sistemi ad ansa chiusa ibridi (HCL/AHCL). La vita delle persone con diabete è stata “sconvolta” e “rivoluzionata” da tali sistemi. L’innovazione tecnologica in questa dimensione della “cura” ha impattato sulla qualità della vita ed anche sugli esiti di salute delle persone con diabete, come forse nessuna altra innovazione terapeutica degli ultimi 50 anni. Grazie a questi sistemi possiamo essere convincenti, come mai prima di ora, sulla possibilità di poter finalmente “Vivere Bene con il Diabete”.
    La disponibilità di diversi nuovi sistemi per il monitoraggio continuo del glucosio, ha reso questa opportunità più accessibile e sostenibile. Si sono attivati per questo progetti di ricerca anche nel diabete di tipo 2, con informazioni che si fanno sempre più persuasive sulla efficacia di tali approcci non solo nelle persone con diabete di tipo 2 trattati con terapia insulinica intensiva, ma anche in pazienti con diabete di tipo 2 avviati a percorsi di educazione terapeutica all’interno del quale il monitoraggio continuo veniva strutturato. L’evoluzione tecnologica del monitoraggio continuo del glucosio si è tradotta nella disponibilità, finalmente, di un numero elevato di sistemi, con caratteristiche differenti e con diversa “complessità” di utilizzo. Diventa oggi finalmente possibile una vera personalizzazione nella scelta del dispositivo di monitoraggio che vede il paziente al centro anche di questo momento assistenziale, i clinici ora possono identificare il sistema più appropriato sulla base non solo di specifici bisogni clinici, ma anche sulla possibilità di calare tali sistemi nella vita “reale” di ogni singolo paziente.

    PER ISCRIVERTI CLICCA QUI