E-LEARNING

  • WEBINAR 20 ottobre 2021 h 17-19 La riorganizzazione ospedaliera in epoca Covid e il ruolo sempre più centrale dell’ MMG nella gestione del paziente cardiologico

    WEBINAR 20 ottobre 2021 h 17-19 La riorganizzazione ospedaliera in epoca Covid e il ruolo sempre più centrale dell’ MMG nella gestione del paziente cardiologicoFAD SINCRONA mercoledì 20 OTTOBRE 2021 DALLE H 17:00 ALLE H 19:00

    RAZIONALE
    La fibrillazione atriale è la più comune forma di aritmia cardiaca; le sue ripercussioni cliniche sono numerose (quali ictus, etc.) e con conseguenze spesso invalidanti e per questo motivo risulta importante per il Medico di Medicina Generale – e in conformità con la nota 97 di AIFA - impostare una terapia adeguata considerando innanzitutto il rischio trombo-embolico ed emorragico individuale e anche le caratteristiche di ciascun paziente (presenza di terapie farmacologiche e patologie concomitanti, compliance al trattamento etc.).
    In particolare, la prescrizione di una terapia anticoagulante richiede una più accurata valutazione nei soggetti anziani che sono ad alto rischio sia embolico sia emorragico che di repentine variazioni nella funzionalità renale.
    In questi ultimi soggetti infatti è necessario uno stretto monitoraggio clinico per cogliere tempestivamente variazioni che richiedano una rivalutazione del tipo e/o del dosaggio del farmaco anticoagulante utilizzato.
    Da questo punto di vista i nuovi famaci anticoagulanti orali, essenziali nella profilassi dell’ictus cardioembolico e nella prevenzione delle recidive, per le loro caratteristiche specifiche di efficacia e tollerabilità, rappresentano un’interessante opportunità terapeutica per il paziente anziano, in quanto non necessitano di alcun prelievo ematico periodico salvo il controllo almeno semestrale della funzionalità renale.
    A distanza di qualche anno dall’immissione in commercio dei NAO si approfondiscono le loro caratteristiche alla luce delle nuove acquisizioni scientifiche per una migliore gestione terapeutica specifica per ogni categoria di paziente ad alta fragilità.

    OBIETTIVO
    Gli obiettivi di questo progetto sono di:
    1. Aggiornare la conoscenza sulla nota 97 per la prescrizione della terapia anticoagulante orale nei pazienti con fibrillazione atriale non valvolare e sulle nuove linee guida ESC;
    2. Approfondire il percorso di gestione sul territorio del paziente attraverso confronti esperienziali di gruppo;
    3. Ottimizzare la gestione della cronicità del paziente alfine di promuoverne la qualità della vita.



    PER ISCRIVERTI CLICCA QUI